Lavoro
Altri documenti di questo contratto
 
Economico 2° biennio (31/7/2007)
 
Verbale Integrativo (3/4/2007)
 
Testo definitivo (3/12/2005)
 
TUTTI I CONTRATTI
 

ACQUISTA UNA COPIA DEI DOCUMENTI RELATIVI A QUESTO CONTRATTO
 
LE FONTI DI QUESTA SEZIONE
 
Avvocato
Commercialista
Notaio
SETTORE: AZIENDE DI SERVIZI
CONTRATTO: TELECOMUNICAZIONI
TESTO DEFINITIVO (3/12/2005) - Pagina 52 di 107

DATA STIPULA: 3/12/2005
DATA DECORRENZA: 1/1/2005
DATA SCADENZA: 31/12/2008


PAGINA PRECEDENTE Pagina 52 di 107 PAGINA SUCCESSIVA

lavoratori che operano a orari sfalsati/speciali, quelli che pur
osservando in modo continuativo un orario coincidente per inizio e termine
con quello del turno avvicendato, sono addetti a posti di lavoro in cui di
fatto non viene attuato avvicendamento di turni per motivi di
organizzazione aziendale ovvero inerenti il particolare tipo di lavoro.
Nei casi di lavoro a turni avvicendati, i singoli componenti del turno
cessante non possono abbandonare il loro posto di lavoro e le loro
mansioni se non quando siano stati sostituiti dai lavoratori del turno
subentrante. La sostituzione dovrà avvenire entro un termine massimo di un
numero di ore corrispondenti alla metà del turno. Quando non sia possibile
addivenire alla sostituzione e le mansioni del lavoratore siano tali che
dalla sua assenza possa derivare pregiudizio al servizio o al lavoro di
altri lavoratori, il termine di cui innanzi potrà essere prolungato per
tutta la durata del turno così iniziato. Queste prolungate prestazioni
saranno retribuite con la maggiorazione prevista per il lavoro
straordinario.

7)
Ai lavoratori addetti a turni avvicendati, come definiti al precedente
comma, che prestano normalmente la propria attività per 8 ore giornaliere
e per 40 ore settimanali, viene riconosciuta una pausa retribuita di 30
minuti al giorno per la refezione nelle ore di presenza in azienda.

8)
In linea normale i turni di servizio sono articolati in modo da garantire
a ciascun lavoratore un periodo di riposo pari ad almeno 11 ore tra la
fine del turno di lavoro e l'inizio di quello successivo. Diversi periodi
di riposo potranno essere concordati a livello aziendale.


Nota a verbale.

Le parti, viste le disposizioni di cui all'art. 17, comma 5, lett. a),
D.lgs. n. 66/03, si danno reciprocamente atto che ai lavoratori inquadrati
nei livelli 6 e 7, in quanto personale con funzioni direttive, non spetta
il compenso per le prestazioni eccedenti l'orario normale contrattuale.
Restano salvi i trattamenti di miglior favore in essere.


RIDUZIONE DELL'ORARIO DI LAVORO

9)
Ferma restando la durata dell'orario normale contrattuale di 40 ore
settimanali, viene riconosciuta una riduzione dell'orario di lavoro di 72
ore in ragione di anno di servizio e in misura proporzionalmente ridotta
per le frazioni di anno. Per i lavoratori addetti a turni avvicendati,
così come definiti al precedente comma 6, che prestano la propria attività
in sistemi di turnazione di 15 o più turni settimanali, comprendendo il
turno notturno e/o quelli di sabato e domenica, sarà inoltre riconosciuto,
a decorrere dall'1.12.04, un ulteriore permesso annuo retribuito di 8 ore,
PAGINA PRECEDENTEPagina 52 di 107PAGINA SUCCESSIVA