COME IMPARARE FACILMENTE


Ecco alcuni consigli pratici e facili da attuare per imparare più facilmente.

Impariamo tutti naturalmente
Per tutto l'arco della nostra vita impariamo naturalmente, quindi perché dovrebbe essere più complicato imparare nozioni utili al lavoro?
Il nostro corpo e le nostre menti imparano naturalmente. Non dobbiamo leggere in un libro come camminare o come parlare. Non abbiamo mai seguito un corso, nessun esperto ce lo ha insegnato. Impariamo una serie di capacità che distinguono gli esseri umani da tutte le altre creature sul pianeta.

Formazione o studio?
C'è una differenza chiave tra le due. “Formazione” è qualcosa che viene insegnato, di solito da un esperto che fornisce la sua esperienza. “Studio” si riferisce maggiormente sull'acquisizione di conoscenze dalla tua esperienza personale e dall'osservazione.

Perché questa differenza è così importante?
Molte delle capacità e delle lezioni di cui abbiamo bisogno sono talmente nuove, poco sviluppate, così specifiche e complesse che non c'è nessuno in giro che ce le può insegnare.
Capacità del tipo come usare Word o Java possono venire insegnate. Ci sono molti buoni corsi. Ti forniscono le regole base e ti portano a un livello più alto di competenze. Ma per altre competenze più soft? Ecco dove arriva lo studio. Molte lezioni possono essere imparate, non insegnate.

La chiave è osservare attentamente, assimilare e sperimentare. E' un processo in movimento. E' uno stile di vita.

Chiediti tre semplici domande, tre volte al giorno…
Prendi l'ultimo compito che hai finito e prenditi cinque minuti per pensarci. Puoi farlo sul treno, in macchina…
Chiediti:
1. Che cosa è andato bene?
2. Che cosa potrebbe essere andato meglio?
3. Come posso operare diversamente la prossima volta?

Queste tre semplici domande, fatte regolarmente e in maniera stimolante, sono molto forti e efficienti. E non costano una lira.

1.Che cosa è andato bene?
Per esempio:
Il compito ha tratto beneficio dal supporto dato ad alto livello per spingere la risoluzione?
Se sì, tieniti buono il contatto per un possibile futuro aiuto. Ringrazia per il supporto fornito così che la persona sarà più disponibile in futuro ad aiutarti ancora.
Chiediti:
- Avresti potuto risolvere lo stesso il compito senza quel supporto?
- Avresti potuto risolverne almeno una parte?

Se tu apprezzi quando qualcuno ti ha aiutato, allo stesso modo capiterà agli altri. Prenditi il tempo per aiutare gli altri.

2. Che cosa potrebbe essere andato meglio?
Il potere del pensiero positivo!
Non ti flagellare. Non considerare tutto quello che hai fatto come un errore. E' un'esperienza per imparare. L'unico errore è se non impari niente.
Quali sono stati i maggiori ostacoli? Come sono stati superati? Potevano essere superati più velocemente?
Il cliente si è arrabbiato quando è arrivato il conto? Era stato avvisato in anticipo? Una chiamata avrebbe fatto qualche differenza? Il cliente è stato avvisato passo per passo di quello che stava accadendo o è stata una sorpresa finale? Come poteva essere gestito meglio il tutto?

3. Come posso operare diversamente la prossima volta?
Questa è un'applicazione delle lezioni.
Se qualcosa è andato bene: cerca l'opportunità di ripetere il procedimento. Spesso i risultati positivi vengono ignorati. Riconosci i successi e ripetili!
Per il prossimo compito che ti verrà assegnato, utilizza del tempo per programmare. Ricordati le lezioni che hai imparato e verifica se qualcuna di queste può essere riapplicata al nuovo lavoro. Cerca tutte le similitudini.


 










Cambiolavoro S.r.l. - Milano - Italia
P.IVA e Codice Fiscale: 13282090151

Per maggiori informazioni, contattare lo staff di Cambiolavoro.