Analisi Diagnosi

GRAMLUCA e LAURA VARVELLI
GRAM


Questo test è un indicatore “veloce” per misurare quale utilizzo fai della Analisi e della Diagnosi nel tuo comportamento quotidiano.

Ti chiediamo di rispondere a “freddo” e senza pensarci troppo, il test è un gioco da fare rispondendo di istinto e di “pancia” descrivendo COME SI E’ e COME CI SI COMPORTA e NON a COME SI VORREBBE ESSERE.

Rispondi al questionario di 25 domande utilizzando la scala di giudizio:
1 - No, mai
2 - Raramente
3 - Spesso
4 - Sempre

1) Mi considero un “cercatore di problemi”, so riconoscere situazioni potenzialmente pericolose.
1 2 3 4
2) Investo tempo e concentrazione a definire, descrivere e ... scrivere il problema.
1 2 3 4
3) Rifiuto le affermazioni generiche e grossolane che tendono a generalizzare i problemi
1 2 3 4
4) So cercare (ho metodo) le informazioni, i dati pertinenti al problema.
1 2 3 4
5) So valutare la correttezza, la veridicità e la affidabilità delle informazioni e dei dati.
1 2 3 4
6) Non mi accontento della prima risposta, di un’informazione vaga. Sono preciso senza essere pignolo e ossessivo.
1 2 3 4
7) Sono disposto a considerare nuove informazioni anche se contraddicono quelle in mio possesso.
1 2 3 4
8) Stabilisco, comunque, un termine (di tempo) per la raccolta e l’analisi delle informazioni.
1 2 3 4
9) Mi costruisco mappe di correlazione per identificare i legami e i nessi tra le informazioni raccolte (per esempio: Diagramma di causa ed effetto).
1 2 3 4
10) Mi accorgo quando in una situazione complessa la relazione tra causa ed effetto può essere molto difficile da trovare (a volte non c’è).
1 2 3 4
11) In fase di analisi e diagnosi, valuto i miglioramenti che porterebbe la soluzione del problema.
1 2 3 4
12) Se guardo indietro, vedo che ho risolto tutti i grossi problemi.
1 2 3 4
13) Tratto in modo separato i dati, i numeri e i fatti, dalle opinioni e dai giudizi (e ... pregiudizi).
1 2 3 4
14) Quando devo affrontare un problema complesso, ho l’abitudine di suddividerlo in parti più semplici e più facilmente trattabili.
1 2 3 4
15) Ridefinisco il problema man mano che procedo nell’analisi e nella diagnosi.
1 2 3 4
16) Condivido e faccio mia l’affermazione che “un problema ben definito è per metà risolto”.
1 2 3 4
17) Non ho difficoltà a valutare le persone. Credo di avere un’eccellente capacità di giudizio.
1 2 3 4
18)So definire il concetto di probabilità che un evento si verifichi.
1 2 3 4
19) So definire il concetto di possibilità che un evento si verifichi.
1 2 3 4
20) Una situazione analizzata da due punti di vista diversi può portare a due soluzioni diverse (...anche contraddittorie).
1 2 3 4
21) Condivido e faccio mia l’affermazione che “... l’ultimo passo (per raggiungere l’obiettivo) dipende tutto da come si è fatto il primo”.
1 2 3 4
22) L’esperienza maturata sul campo mi ha portato a sveltire e dimezzare i tempi di analisi.
1 2 3 4
23) Mi piace cercare i dettagli, non me ne faccio sfuggire nessuno.
1 2 3 4
24) E’ meglio delegare la fase di analisi e diagnosi e tenere per sé il momento decisionale (in mancanza di tempo o risorse).
1 2 3 4
25) “Non c’è nulla di più pratico di una buona teoria”, posso tranquillamente tenere questa frase sulla mia scrivania.
1 2 3 4
 



Cambiolavoro S.r.l. Via Jacopo Palma, 11 - 20146 Milano - Italia
P.IVA e Codice Fiscale: 13282090151

Per maggiori informazioni, contattare lo staff di Cambiolavoro.